sabato 13 gennaio 2018

1975 Semifinale ritorno: Bayern Monaco-St Etienne 2-0

L'esultanza dei tedeschi dopo il meraviglioso gol di Durnberger
[www.youtube.com]
Il Bayern Monaco guadagna la seconda finale consecutiva di Coppa Campioni, dopo aver battuto 2-0 il St Etienne nel ritorno delle semifinali. La squadra tedesca fa il minimo indispensabile, va subito in vantaggio con una magia di Beckenbauer, poi si limita a gestire. I francesi ci provano, ma non riescono a sfondare e nella ripresa Durnberger con una splendida galoppata chiude i conti. Non un match bellissimo in termini di qualità e ritmi.

mercoledì 20 dicembre 2017

1974 Finale: Bayern Monaco-Atletico Madrid 4-0

Gerd Muller solleva al cielo la Coppa Campioni
[www.numerosette.eu]
E' l'unica finale nella storia della Coppa Campioni giocata due volte. La prima era finita 1-1 dopo i supplementari e, non essendo previsti i rigori, l'Uefa scelse di rigiocare l'incontro due giorni più tardi. Nella seconda occasione non c'è davvero partita: il Bayern Monaco annicchilisce 4-0 il malcapitato Atletico Madrid, al termine di una prestazione corale notevole. Rispetto all'altra grande squadra di club degli Anni '70, l'Ajax, il Bayern è più classico nel modo di giocare, ma ugualmente devastante e ricco di individualità che hanno ben poco da invidiare a quelle olandesi. A rubare l'occhio in questa finale sono i soliti tre, Beckenbauer, Muller e Breitner, coadiuvati da un meraviglioso Hoeness.

mercoledì 29 novembre 2017

1974 Semifinali ritorno: Bayern Monaco-Ujpest 3-0

Una fase del match [www.youtube.com]
Un Bayern Monaco travolgente cancella l'Ujpest 3-0 e vola in finale di Coppa Campioni 1974. Dopo l'1-1 dell'andata, i tedeschi fanno subito capire di che pasta sono fatti e all'Olympiastadion concedono le briciole ai magiari, capaci di arrivare raramente dalle parti di Maier. Prestazione solida e convincente dei bavaresi, in particolare dell'attaccante svedese Torstensson (che segna l'1-0 e propizia le altre due reti) e dei tre “tenori”, il meraviglioso Beckenbauer, il factotum Breitner e l'implacabile Gerd Muller.