sabato 30 marzo 2013

1962 Quarti: Brasile-Inghilterra 3-1

Garrincha punta Bobby Charlton
(www.storiedicalcio.altervista.org)
Senza Pelé, infortunatosi contro la Cecoslovacchia, è comunque un grande Brasile. Nei quarti di finale, i verdeoro superano abbastanza agevolmente (3-1) l'Inghilterra, mettendo in mostra uno strepitoso Garrincha che mai - al Mondiale 58, ma anche nel match d'esordio del '62 contro il Messico - avevamo visto così dominante. Il numero 7 carioca gioca una partita da leader vero, non solo devastante sull'ala destra, ma capace di suggerire, concludere e risultare letale in ogni zona offensiva. Garrincha è nettamente il migliore in campo, ma una nota di merito va anche ai due terzini Djalma Santos e soprattutto Nilton Santos, che disputano una partita sopra le righe, sempre attenti e bravissimi a interpretare entrambe le fasi di gioco. Un po' sottotono invece Amarildo, sostituto di Pelé.


Brasile: Gilmar - D. Santos, Mauro, Zozimo, N. Santos - Zito, Didì, Zagalo - Garrincha, Vava, Amarildo.
Inghilterra: Springett - Armfield, Wilson, Moore - Norman, Flowers - Greaves, Haynes - Douglas, Hitches, Charlton.

Primo tempo
1' tiro di Greaves dal limite dopo un rinvio maldestro di Djalma Santos, palla alle stelle.
2' un cane invade il campo. Nessuno riesce a prenderlo. Poi Greaves si avvicina e lo blocca con l'aiuto dei poliziotti.
5' Zito serve Didì al limite, doppio dribbling e tiro dal limite, palla a lato. Didì resta a terra al momento del tiro: ha subito un colpo da un difensore inglese. Viene portato fuori zoppicante, poi si rialza. Il gioco si ferma un paio di minuti.
7' Douglas allarga a destra per Haynes, cross al limite, Hitchens non riesce a concludere, riprende Douglas: palla a lato.
11' Zagalo serve Vava in area, appoggio fuori a Garrincha, scatto e cross, Armfield sventa la minaccia.
16' geniale suggerimento di Didì per Amarildo in area, ma il portiere inglese Springett anticipa l'attaccante brasiliano.
24' Greaves ci prova ancora con una conclusione dal versante destro dell'area, palla fuori sul primo palo.
26' punizione tesa di Didì dal limite, Springett respinge di pugno. Il Brasile tiene più il possesso palla, ma senza Pelé sembra essere meno incisivo e si affida così soprattutto a tiri dalla distanza.
29' GOL BRASILE Corner da sinistra di Zagalo, imperioso stacco a centro area di Garrincha e palla nell'angolino sul primo palo, imprendibile.
33' errore clamoroso della difesa inglese, ne approfitta Amarildo, ma il suo tentativo viene ribattuto.
38' GOL INGHILTERRA fallo su Douglas sulla fascia destra dell'attacco, punizione. Palla in mezzo all'area, il colpo di testa di Hitchens a campanile colpisce la parte alta della traversa, riprende lo stesso Hitchens che anticipa tutti e infila l'1-1.

Secondo tempo
2' Zagalo crossa da sinistra, Amarildo ruba il tempo alla difesa inglese e segna, ma l'arbitro annulla per fuorigioco.
5' spunto regale di Garrincha sulla destra, cross sul secondo palo, Amarildo tutto solo si divora un gol fatto.
8' GOL BRASILE Garrincha batte una punizione appena fuori dall'area, facendo filtrare un pallone rasoterra in area per Vava, la difesa inglese resta spiazzata, Vava è solo davanti a Springett e insacca.
11' chance per Charlton in area dopo una respinta, ma la conclusione si perde altissima.
14' GOL BRASILE Didì a centrocampo lancia Amarildo per vie centrali, il sostituto di Pelé appoggia indietro a Garrincha, che lascia partire da 30 metri un siluro di destro fortissimo: palla nell'angolino alto e pubblico in visibilio.
18' triangolo Amarildo-Vava-Amarildo sul lato sinistro dell'area, tiro di Amarildo, palla alta di pochissimo.
29' prosegue lo show di Garrincha. Rinvio lungo di Gilmar, l'ala brasiliana supera Wilson con un pallonetto, si accentra e scaglia da fuori un destro violentissimo, Springett si supera e devia in angolo.
30' cross di Zagalo da sinistra, Amarildo segna di mano, rete annullata.
35' occasione per Haynes a centro area, tiro fuori.

Nilton Santos in palleggio
(www.leodevezas.com.br)
LE PAGELLE BRASILE
IL MIGLIORE Garrincha 8,5: non lo avevamo mai visto a questo livello. Senza Pelé, è lui a caricarsi i compagni sulle spalle e guidarli di peso oltre l'ostacolo Inghilterra. Dimostra di saper fare tutto: non è solo un'ala destra dallo spunto micidiale e dalla finta irresistibile, ma un fuoriclasse completo, che si accentra, serve assist geniali, segna in tutti i modi. La vera differenza tra Brasile e Inghilterra è lui.
Nilton Santos 7: sulla sua fascia di appartenenza, non lascia spazio a nessuno. Una certezza in fase difensiva, corre pochissimi rischi, e in avanti appoggia sempre l'azione. Personalità e padronanza dei propri mezzi: un laterale sinistro con i fiocchi.
Didì 6,5: va a corrente alternata, ma alcune giocate restano impresse negli occhi. Trova Amarildo con un geniale tocco filtrante, pericoloso con i tiri dalla distanza, avvia l'azione del terzo gol.
Vavà 6,5: si sente sempre, come il cobra che aspetta l'occasione propizia per mordere. Bravo nei duetti con Amarildo e lesto a scagliare in rete il gol del vantaggio su assist di Garrincha.

LE PAGELLE INGHILTERRA
IL MIGLIORE Douglas 6: nel primo tempo è il più presente e continuo degli inglesi, utile in ripiegamento, efficace quando la squadra è in possesso palla. Nella ripresa cala come il resto della squadra.
Charlton 6: parte un po' a rilento, nel secondo tempo gioca con più decisione. Bravo a tenere palla e a muoversi su tutto l'arco dell'attacco, a sinistra e in mezzo.
Moore 5,5: sarà il capitano dell'Inghilterra campione del mondo nel '66, ma in questa occasione pare timido e spesso tagliato fuori dalle giocate dei brasiliani.
Niccolò Mello


Scampoli dello straordinario Garrincha contro l'Inghilterra (www.youtube.com)

Nessun commento:

Posta un commento